Lo scorso 22 Marzo siamo andati al Casinò di Venezia, senza le fiches – perché non amo il gioco d’azzardo – ma con un obiettivo chiaro: imparare qualcosa di più su Realtà aumentata e Architettura.

All’interno del Casinò, i (capacissimi e giovani) ragazzi di UQIDO hanno organizzato due giorni di speeches, business networking e showcase legati alle tecnologie XR e tutto quello che gira intorno al mondo alle tecnologie immersive.

Cosa sono le tecnologie XR?

Le tecnologie XR o Tecnologie di Cross Reality sono di fatto “esperienze” mediate dalla tecnologia.

Combinano realtà digitali e biologiche.

Comprendono un’ampia gamma di hardware e software (in continuo sviluppo) che consentono la creazione di contenuti per realtà virtuale (VR), realtà aumentata (AR), realtà mista (MR), realtà cinematografica (CR), ecc.

Avevo parlato di questo in un precedente articolo del Blog. Ho voluto approfondire. Vedere da vicino questa tecnologia del futuro (prossimo) raccontata da chi li utilizza nel presente.

Tra gli speakers dell’evento, da segnalare Luca Prasso, il creative technologist di Google, Ethan Shaftel, video maker premiato al Tribeca Film Festival,  Andrey Dobritko, fondatore di Sketch Ar. (un’app utile a imparare a dipingere) e Patricio Navarro, CEO di ArXSolution (rendering per l’Architettura).

Tutti gli speakers che hanno partecipato sono creatori o utilizzatori di sistemi XR. Con questi strumenti, gli utenti generano nuove forme di realtà portando gli oggetti digitali nel mondo fisico e portando gli oggetti del mondo fisico nel mondo digitale.

 

IDEeA Realtà aumentata e architettura 6

 

E questa “roba” a cosa serve in pratica?

Serve a un sacco di cose. Dall’architettura al cinema, passando dai videogiochi fino al mondo medico/scientifico.

La Realtà Virtuale (i videogiochi di ruolo in 3d per intenderci) o la Realtà Aumentata (hai presente Pokemon-Go?) e le altre possibili tecnologie immersive, sono di fatto le tecnologie che ci permettono di esplorare uno spazio “reale” e vedere cose “virtuali” al loro interno.

 

Ti spiego meglio.

Per esempio, in un nuovo museo  progettato in Cina (si chiamerà X-Museum), lo spettatore potrà viaggiare nel tempo, dall’antica Roma – per vedere una battaglia navale nel Colosseo – fino al futuro sconosciuto, oppure navigare nello spazio o visitare le principali capitali europee, assistito da una guida (virtuale) pronta a rispondere a qualsiasi domanda. Interessante vero?

 

IDEeA Realtà aumentata e architettura 5

 

Immagina questa tecnologia mentre guidi la macchina. Un sistema di frecce tridimensionali ti indica la via meno trafficata, potrai goderti il panorama e sapere il nome delle montagne, la loro altezza, dove si trova il ristorante migliore e vedere il meteo per il weekend, senza distogliere lo sguardo dalla strada.

Non hai mai cucinato una carbonara? Nessun problema, indossi la visiera anti spruzzi digitale e un’app ti aiuterà a cucinare, indicandoti quali ingredienti prendere, in che ordine e come usarli. Con i tuoi tempi e senza distrazioni.

 

IDEeA Realtà aumentata e architettura 4

 

Quindi Realtà aumentata e Architettura coesistono già? Ta-Dah! Se ci sono andato è proprio per questo.

Immagina di essere nella casa che hai appena comprato. E’ vuota, completamente da ristrutturare.

Muri coperti da carta da parati anni ’50, pavimenti in cotto e lampadari pericolanti.

Ti infili un paio di occhiali, io attivo il concept numero 1, eccolo:

Le pareti cambiano colore, le finestre sono più grandi, il pavimento è in resina, davanti a te c’è il divano che hai sempre sognato, puoi girarci intorno. Accendiamo le luci e spostiamo il tavolo verso la cucina, forse lo possiamo pensare un po’ più grande? Il bagno è in fondo a destra, i sanitari possono essere cambiati in diretta, meglio da terra o sospesi? Lo specchio è grande, ti piace. In camera troviamo un letto e dietro la cabina armadi, piena di vestiti.

 

In dieci minuti, hai visto (virtualmente) una possibile versione di casa tua.

 

IDEeA Realtà aumentata e architettura 3

 

 

 

Questo è il futuro. Cosa ne pensi? Ti piace, passiamo al concept numero 2?

In questi mesi, approfondirò il tema. Seguimi!

 

Realtà aumentata e architettura coesistono già. Progettiamo già da qualche anno con la realtà virtuale, farlo con la realtà aumentata sarebbe meraviglioso. E allora ci proverò.

I miei clienti meritano di poter comprendere e vivere il progetto sempre meglio e la loro casa e la loro esperienza diventerebbero così, sempre più belle!

Alla prossima puntata! 😉

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Share