Una Casa Smart(working): come sarà il tuo nuovo ufficio?

Smart Working: a che punto siamo?
Il dpcm proroga lo stato di emergenza, prolungando di fatto il regime semplificato per il lavoro (cosiddetto) agile. Il mondo del lavoro, ma non solo, sta cambiando. E’ ufficiale.

L’assenza delle solite code nel tragitto casa-lavoro mi hanno fatto riflettere molto sul tema. Tanta gente sta lavorando da casa, molti sono in azienda solo 2 o 3 giorni a settimana.

Un grande cambiamento, che sta modificando molte delle nostre abitudini. La rinuncia al caffè delle 10 in centro, addio al pranzo con i colleghi, ma anche il risparmio del carburante e più tempo a disposizione per fare altre cose.

Tralascio le ricadute economiche di questa fase. Un minor consumo significa meno fatturato per una grande fetta di operatori (bar, ristoranti, benzinai, ecc) da una parte e una serie di ricadute positive dall’altra. Pensiamo all’inquinamento causato dagli spostamenti o alla perdita di tempo nel raggiungere l’ufficio e ancora di come finalmente possiamo “godere” della nostra casa durante il giorno, in settimana.

 

Una casa a prova di Smart Working!
Ed è proprio la nostra casa, che trasformata in fretta e furia in ufficio, merita un approfondimento.

La nostra casa, magari appena ristrutturata, con una cucina open-space, due camere e bagno. Ma senza uno spazio da adibire ad ufficio, come si fa? Bel dilemma!

In questi anni ho avuto l’opportunità di progettare molte case, alcuni uffici ed un paio uffici-casa. Questi ultimi progetti, nati dall’esigenza di coniugare il lavoro con altri impegni quotidiani, quali la gestione dei figli, la necessità di lavorare ad orari diversi (di notte, al mattino prestissimo, ecc) e il bisogno di sentirsi “accolti” e “a casa” durante le ore di lavoro.

Che poi se ci si pensa bene, una casa accogliente, può tranquillamente essere [...]